Martina TEMEL

Categoria: Texture e Materiali

About.

Le calze da più di settant’anni fasciano le gambe delle donne e non sono mai invecchiate. Anzi, tra tradizione ed emancipazione, colore e fantasia, le calze di nylon sono uno degli accessori femminili che hanno caratterizzato il ‘900 diventando oggetto di seduzione femminile.
L’introduzione del nylon ha rotto gli schemi grazie all’economicità, sono diventate un prodotto alla portata di tutte le donne.

Questa fibra sintetica è stata definita “ DELICATA COME UNA RAGNATELA, RESISTENTE COME L’ACCIAIO ”.

Spesso ci capita di rovinare o smagliare i collant e siamo costrette a buttarle poichè non idonee ad essere indossate. Trattandosi di una fibra sintetica non riciclabile questo prodotto è destinato alla discarica tra i rifiuti. Ho deciso di dare nuova vita a questo materiale, riducendolo a fettuccia e intrecciandolo con la tecnica della maglieria per arricchire la cappa. Questo capospalla, in cui la delicata e fragile ragnatela si combina con la lavorazione ai ferri o all’uncinetto delle calze, da vita ad un’estetica che mantiene inalterata la caratteristica resistente della fibra e dona alle calze una seconda chance.

Dettagli.

Studi - LICEO ARTISTICO “G. SELLO” - Udine

Categoria - Texture e Materiali